Renzi, il traffico e i Consoli

duomo-gianluca.gif

 Come riportato dalla la stampa, il sindaco di Firenze ha attuato una restrizione sulle auto che possono circolare nel centro storico. Tra le categorie “colpite” ci sono i consoli che rappresentano i paesi esteri nel capoluogo toscano che non hanno esitato a protestare citando la convenzione di Vienna (attendiamo che invochino quella di Ginevra se il Renzi decidesse di non farli più uscire dal centro) e la reciprocità e quant’altro.
Il problema, al di là della facile ironia, non è da poco conto: quando la regolazione si fa con i permessi, e le connesse liste degli aventi diritto, la discrezionalità delle amministrazioni è massima, le scelte sono sempre opinabili sotto il profilo dell’equità (perché quella categoria sì e quell’altra no), la gestione amministrativa è complicata (il regolamento della ztl del Comune di Firenze è lungo 43 pagine).
L’alternativa è quella della congestion charge o ecopass: per entrare in alcune zone della città bisogna versare una tassa giornaliera e quindi l’unico criterio è la disponibilità a pagare degli automobilisti, con la connessa critica che è uno strumento regressivo. E’ applicata in molte città del mondo e, da noi, anche se un po’ alla buona, a Milano. Naturalmente il sistema non è privo di complicazioni prima fra tutte che non è molto popolare tra i cittadini ma è indubbio che la ztl è un sistema un po’ superato – potremmo dire da rottamare ? – di demand management del traffico cittadino.
Dal momento che ci si aspetta che le iniziative del primo cittadino di Firenze siano all’altezza della sua città e delle sue (del sindaco) ambizioni ci starebbe bene una politica po’ più di alto profilo. Potrebbe bandire una gara internazionale per un progetto per regolare il traffico a Firenze, chiami l’ex sindaco “rosso” Livingstone di Londra che la introdusse nel 2003 a raccontare in consiglio comunale come è andata dal punto di vista politico quell’esperienza, che ancora dura dopo la sua sconfitta alle elezioni; insomma “faccia qualcosa di sinistra” e ….lasci stare i consoli.
 

Top