Fisco: per i “minimi”, meglio una tassa fissa

fisco_2010_02_15_15_33_59.jpg

 Il poco è sempre meglio del nulla. Nel contrasto all’evasione fiscale, gli studi di settore sono una misura di certo insufficiente, e, sotto alcuni profili, anche insoddisfacente. Le cifre risibili relative ai redditi medi dichiarati dai cosiddetti autonomi sono anzi la prova incontrovertibile di un sostanziale fallimento non solo del sistema basato sugli studi di settore, ma, più in generale, dell’intera azione di contrasto all’evasione degli ultimi trent’anni.

 In un ambito così delicato, tuttavia, cancellare tout court gli studi di settore, come viceversa sostenuto da Stefano Fassina in  www.nelmerito.it del 22 gennaio 2010, sarebbe oggi un errore, anche se purtroppo essi sono stati già  depotenziati, a seguito della più recente giurisprudenza di legittimità. Sarebbe auspicabile, piuttosto, riuscire a riformarli,  rendendone il funzionamento più efficiente ed efficace. Bisogna infatti prendere atto che  i diversi studi sono tutt’altro che piatti in quanto  non hanno lo stesso grado di precisione e affidabilità nei riguardi di tutti i 4 milioni di destinatari. Ad esempio, v’è una maggiore loro adeguatezza nel cogliere realtà strutturalmente più semplici, caratterizzate altresì da un’elevata numerosità del campione, quali sono più frequenti nel settore del commercio e dei servizi, piuttosto che nel manifatturiero.

Una strada di riforma possibile può essere, pertanto, di tornare alla disciplina d’origine e magari contraddistinguere, all’interno dell’intera platea di destinatari, i soggetti economici meno strutturati (rispetto a quelli più grandi). Si potrebbe quindi applicare l’originario meccanismo di accertamento automatico  nei riguardi di un ristretto target costituito da quei raggruppamenti aziendali per i quali il software ha fino a oggi dimostrato, rispetto all’intera platea di destinatari, il  più elevato grado di affidabilità. Per tutti gli altri, invece, l’eventuale scostamento dovrebbe costituire un warning, utile per attivare solo controlli analitici più approfonditi.
 
Una tale soluzione, peraltro, renderebbe più razionale ciò che accade già oggi in termini di concreto utilizzo del software: fra la platea di chi non si è adeguato, infatti, solo un contribuente su dieci (e anche meno) viene annualmente raggiunto da un invito al contraddittorio. Sarebbe pertanto più ragionevole che la scelta di questo ristretto target assoggettato ad accertamento (ferma restando in ogni caso la più ampia prova contraria per colui che viene selezionato) fosse effettuata dallo stesso software (e quindi su basi obiettive, costituite dal tasso intrinseco di maggior precisione che è propria del tipo di studio di settore considerato) piuttosto che su base soggettiva e discrezionale, ad opera dell’ufficio che dispone l’accertamento.

Per quanto concerne il cosiddetto forfettone, e in particolare l’allargamento della platea di destinatari auspicato da Stefano Fassina, ritengo che tale misura (e, cioè, elevare da 30 a 70 mila euro il limite di soglia per l’ammissibilità al regime agevolato dei cosiddetti “minimi”) non rientri fra quelle aventi finalità di contrasto all’evasione, come già osservato da Fernando Di Nicola in un articolo del 1° febbraio, pubblicato anch’esso in www.nelmerito.it  Se ci si limita, infatti, ad allargare la fascia di accessibilità di questa agevolazione, senza contestualmente inventarsi un serio rimedio a presidio della sua corretta applicazione (con specifici strumenti di contrasto anti-abuso), si finisce in realtà per ampliare ancor più il ventre molle del nostro sistema fiscale, rendendolo più vulnerabile di quanto già non lo sia oggi.

Ancora una volta, a mio parere, sul terreno del contrasto all’evasione, il problema da affrontare è di diversa natura. In un sistema fondato sull’auto-dichiarazione unilaterale del proprio volume d’affari – auto-dichiarazione che è tecnicamente impossibile da controllare – il punto, piuttosto, è di capire quali rimedi adottare onde evitare che dentro questo regime di favore si nascondano  i cosiddetti “falsi minimi”: ovvero  quei contribuenti, in realtà di più elevata dimensione, che, per usufruire dei benefici fiscali, si presentano al Fisco auto-dichiarando (falsamente) di essere minimi.

D’altra parte, per questi ultimi, appropriarsi dei vantaggi altrui è già nel contesto attuale doppiamente agevole: facile nel farlo, e  altresì, senza lasciar tracce,  quindi senza mai più essere rintracciabili nella fase dei controlli successivi.  Ed è questo che genera un tipo di evasione non limitata al singolo, ma piuttosto diffusa a livello di massa. D’altra parte, è qui, peraltro, che si crea l’incaglio su cui s’arena da sempre il nostro sistema fiscale: vale a dire il fatto che certe regole sono destinate a valere solo sulla carta.

Se ci si muove all’interno dell’architettura attuale del sistema, tuttavia, apprestare rimedi efficaci  sarebbe estremamente difficile e anzi  praticamente impossibile. Piuttosto, quindi, che ampliare l’ammissibilità del cosiddetto forfettone attuale – e lanciarsi  in una battaglia che sarebbe già persa in partenza – bisognerebbe avere il coraggio di avviare un radicale cambiamento di rotta. Studiando nuove forme di tassazione, anche alternative alla stessa Irpef, da costruire prendendo le mosse da un meccanismo che per prima cosa si riveli capace, in termini di fattibilità tecnica, di garantire la effettività di pagamento da parte di tutti i potenziali soggetti passivi.

Un’ipotesi al riguardo, che merita di essere sperimentata, può essere di introdurre, con riferimento a una prima fascia di micro-imprese e professionisti marginali (che io terrei prudenzialmente non troppo lontano dai 30mila euro di introito annuo), una tassa fissa annua di esistenza (una sorta di tassa di concessione governativa sulla licenza), in sostituzione di Irpef, Iva e Irap. La tassa sarebbe collegata a parametri dimensionali di tipo oggettivo, da dichiarare con autocertificazione avente rilevanza penale. L’obiettivo sarebbe di sostituire un presupposto d’imposta e una base imponibile oggi solo astrattamente conformi al principio di capacità contributiva (ma poi traditi nei fatti, poiché rimessi in toto all’auto-dichiarazione unilaterale dell’interessato), con una tassazione fissa annua calcolata a forfait, sicuramente meno precisa rispetto all’Irpef, ma purtuttavia predeterminata nel quantum (e per questo addebitabile in modo incontrovertibile al singolo). Tutto questo liberando oltretutto il contribuente dai laboriosi conteggi oggi necessari per determinare analiticamente (come differenza fra ricavi e costi) persino un micro-reddito tassabile nell’ordine di poche migliaia di euro. Inoltre, vi sarebbe la possibilità, per l’ordinamento, di articolare una risposta sanzionatoria secca, in luogo della sanzione attualmente in vigore, la quale è percepita con un basso grado di deterrenza poiché si presenta tecnicamente dai contorni sfumati. 

In definitiva, la direzione di marcia auspicabile nella costruzione di un nuovo sistema fiscale che sia riformato alle radici dovrebbe essere quella di tendere, fin dove i vincoli delle moderne tecnologie info-telematiche lo consentano, verso un meccanismo capace di generare semmai contribuenti morosi, piuttosto che astratti debitori di imponibili teorici, individuabili tuttavia solo tramite auto-dichiarazione. Che poi sono i potenziali evasori di massa di domani, destinati a rimanere, come sempre, senza nome e senza volto.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Per quanto concerne il cosiddetto forfettone, e in particolare l’allargamento della platea di destinatari auspicato da Stefano Fassina, ritengo che tale misura (e, cioè, elevare da 30 a 70 mila euro il limite di soglia per l’ammissibilità al regime agevolato dei cosiddetti “minimi”) non rientri fra quelle aventi finalità di contrasto all’evasione, come già osservato da Fernando Di Nicola in un articolo del 1° febbraio, pubblicato anch’esso in www.nelmerito.it.  Se ci si limita, infatti, ad allargare la fascia di accessibilità di questa agevolazione, senza contestualmente inventarsi un serio rimedio a presidio della sua corretta applicazione (con specifici strumenti di contrasto anti-abuso), si finisce in realtà per ampliare ancor più il ventre molle del nostro sistema fiscale, rendendolo più vulnerabile di quanto già non lo sia oggi.Ancora una volta, a mio parere, sul terreno del contrasto all’evasione, il problema da affrontare è di diversa natura. In un sistema fondato sull’auto-dichiarazione unilaterale del proprio volume d’affari – auto-dichiarazione che è tecnicamente impossibile da controllare – il punto, piuttosto, è di capire quali rimedi adottare onde evitare che dentro questo regime di favore si nascondano  i cosiddetti “falsi minimi”: ovvero  quei contribuenti, in realtà di più elevata dimensione, che, per usufruire dei benefici fiscali, si presentano al Fisco auto-dichiarando (falsamente) di essere minimi.

D’altra parte, per questi ultimi, appropriarsi dei vantaggi altrui è già nel contesto attuale doppiamente agevole: facile nel farlo, e  altresì, senza lasciar tracce, quindi senza mai più essere rintracciabili nella fase dei controlli successivi. Ed è questo che genera un tipo di evasione non limitata al singolo, ma piuttosto diffusa a livello di massa. D’altra parte, è qui, peraltro, che si crea l’incaglio su cui s’arena da sempre il nostro sistema fiscale: vale a dire il fatto che certe regole sono destinate a valere solo sulla carta.
 
Se ci si muove all’interno dell’architettura attuale del sistema, tuttavia, apprestare rimedi efficaci  sarebbe estremamente difficile e anzi praticamente impossibile. Piuttosto, quindi, che ampliare l’ammissibilità del cosiddetto forfettone attuale – e lanciarsi  in una battaglia che sarebbe già persa in partenza – bisognerebbe avere il coraggio di avviare un radicale cambiamento di rotta. Studiando nuove forme di tassazione, anche alternative alla stessa Irpef, da costruire prendendo le mosse da un meccanismo che per prima cosa si riveli capace, in termini di fattibilità tecnica, di garantire la effettività di pagamento da parte di tutti i potenziali soggetti passivi.
 
Un’ipotesi al riguardo, che merita di essere sperimentata, può essere di introdurre, con riferimento a una prima fascia di micro-imprese e professionisti marginali (che io terrei prudenzialmente non troppo lontano dai 30mila euro di introito annuo), una tassa fissa annua di esistenza (una sorta di tassa di concessione governativa sulla licenza), in sostituzione di Irpef, Iva e Irap. La tassa sarebbe collegata a parametri dimensionali di tipo oggettivo, da dichiarare con autocertificazione avente rilevanza penale. L’obiettivo sarebbe di sostituire un presupposto d’imposta e una base imponibile oggi solo astrattamente conformi al principio di capacità contributiva (ma poi traditi nei fatti, poiché rimessi in toto all’auto-dichiarazione unilaterale dell’interessato), con una tassazione fissa annua calcolata a forfait, sicuramente meno precisa rispetto all’Irpef, ma purtuttavia predeterminata nel quantum (e per questo addebitabile in modo incontrovertibile al singolo). Tutto questo liberando oltretutto il contribuente dai laboriosi conteggi oggi necessari per determinare analiticamente (come differenza fra ricavi e costi) persino un micro-reddito tassabile nell’ordine di poche migliaia di euro. Inoltre, vi sarebbe la possibilità, per l’ordinamento, di articolare una risposta sanzionatoria secca, in luogo della sanzione attualmente in vigore, la quale è percepita con un basso grado di deterrenza poiché si presenta tecnicamente dai contorni sfumati. 
 
In definitiva, la direzione di marcia auspicabile nella costruzione di un nuovo sistema fiscale che sia riformato alle radici dovrebbe essere quella di tendere, fin dove i vincoli delle moderne tecnologie info-telematiche lo consentano, verso un meccanismo capace di generare semmai contribuenti morosi, piuttosto che astratti debitori di imponibili teorici, individuabili tuttavia solo tramite auto-dichiarazione. Che poi sono i potenziali evasori di massa di domani, destinati a rimanere, come sempre, senza nome e senza volto.

Top