Interventi articles

dromedario.jpg

La gobba non c’è più?

La gobba non c’è più?

Nei mesi scorsi l’Istat ha pubblicato le ultime previsioni demografiche sulla popolazione residente per il periodo 2007-2051. Sono previsioni nettamente diverse da quelle pubblicate negli anni precedenti sempre caratterizzate nell’ipotesi centrale da una previsione di diminuzione complessiva di popolazione. L’importante novità che caratterizza l’ultima previsione è che la popolazione residente non diminuirà, ma aumenterà tra

crusoe.jpg

Perché Crusoe?

Di primo acchito, un uomo solo su un’isola non dovrebbe far pensare a niente di economico. Dov’è la società? E se non c’è società ci può essere scienza sociale? Si dà economia se non c’è scambio? Eppure Robinson Crusoe, pubblicato nel 1719, quattro anni prima della nascita di Adam Smith, è considerato anche un grande

files.jpg

Gli aiuti pubblici nazionali? Si ma serve un arbitro europeo!

L’onda lunga degli aiuti di stato alle imprese rischia di travolgere il mercato interno europeo e con esso l’Unione Europea. Tutti ci perderebbero. Ma per l’Italia, che all’integrazione europea deve tutto il suo sviluppo economico, politico e culturale, sarebbe una tragedia senza proporzioni, l’equivalente di un’altra guerra persa. È grave, riteniamo, che il primo ministro

crisi.jpg

La crisi finanziaria e l’Unione Europea: quali insegnamenti per la governance europea?

1 L’intervento forzato e coordinato dell’Unione La crisi finanziaria che stiamo attraversando ha importanti lezioni per l’assetto attuale dell’Unione Europea e per le sue prospettive di governance. Nel fine settimana dell’11-12 ottobre, i paesi dell’Euro hanno finalmente deciso di cambiare livello e impostazione del gioco a cui stavano partecipando con i mercati. Resisi conto che

bandiera-tn.jpg

Dopo il no dell’Irlanda – 2: Gente di Dublino

Dall’autore di Gente di Dublino, potremmo prendere a prestito il suo pseudonimo per affermare che l’Unione Europea è entrata in un vero e proprio dedalo – che capacità d’anticipazione, un secolo prima! Perché gli irlandesi hanno bocciato il Trattato di Lisbona? In gran parte perché nell’elettorato dei paesi ricchi – è ora di prenderne atto

Top